Succede solo se… SI FANNO LE ASSEMBLEE SINDACALI

Dipendenti del Comune di Roma e della società in-house Zètema in assemblea insieme, chiedono lo stop ai tagli e l’avvio dell’internalizzazione per i dipendenti della società in-house.

Allora è possibile fare assemblee sindacali! Non è proibito e dove succede i lavoratori e le lavoratrici fanno sentire la loro voce, “indirizzando” i sindacati su quelle che sono le  problematiche reali e, incredibile ma vero, si crea anche l’opportunità di guardare al futuro, creare un percorso serio di internalizzazione, così come fanno i nostri colleghi a Zètema.

Ma perchè da noi non si può fare? Eppure le sigle sindacali sono le stesse, e della stessa categoria (anche a Zètema hanno il CCNL Ferderculture) è da mesi che lo chiediamo, e lo chiederemo con ancora più forza anche per l’esempio che ci danno i nostri colleghi e colleghe dalla società in house di Roma Capitale.

Un’altra cosa è da notare infine: dipendenti del Comune e dipendenti di Zètema in assemblea insieme, da noi invece niente del genere e anzi viene artificialmente alimentata la conflittualità tra dipendenti regionali e dipendenti Lazio Service.

ASSEMBLEA SINDACALE? SI, GRAZIE!

RESOCONTO DELL’ASSEMBLEA SINDACALE CONGIUNTA DEL PERSONALE DI ROMA CAPITALE E DI ZETEMA DELL’ISTITUZIONE BIBLIOTECHE DI ROMA
(Biblioteca Rispoli, 16 ottobre 2013, ore 11.00-14.00)

L’assemblea sindacale del personale ISBCC (Biblioteche) ha registrato una straordinaria partecipazione del personale (di Roma Capitale e di Zètema), con oltre un centinaio di presenze; a riprova della forte e diffusa esigenza di un dibattito largo e approfondito sull’Istituzione Biblioteche e sul suo futuro, a breve e medio termine. Va sottolineato, inoltre, che la partecipazione del personale Zètema è stata molto positiva, perché ha consentito una visione completa e unitaria delle problematiche e degli obiettivi comuni.
(il testo completo al seguente indirizzo: unionesindacaleitaliana.blogspot.it/2013/10/continua-la-mobilitazione-in-difesa.html)

In conclusione, l’assemblea ha espresso una posizione unanime sui seguenti punti:

  1. Agire in modo da realizzare la massima unità tra personale di Roma Capitale e Zètema, promuovendo la richiesta di un processo di internalizzazione che porterebbe, con tutta probabilità, anche ad un risparmio sulla spesa complessiva, salvaguardando e riqualificando posti di lavoro e stipendi;
  2. Richiedere alla nuova Amministrazione di Roma Capitale, anche per il 2014, un finanziamento per l’ISBCC almeno pari a quelli del 2012 e 2013 (21 mln) e il potenziamento e lo sviluppo di sedi e servizi bibliotecari nella città;
  3. Iniziare subito un’ampia e approfondita discussione su come organizzare, in tempi ragionevolmente brevi, una Conferenza di Organizzazione dell’Istituzione Biblioteche di Roma, a distanza di dieci anni (2004) dall’ultima realizzata; inoltre, costituire immediatamente un tavolo tecnico preparatorio;
  4. Ottenere una sempre maggiore trasparenza e diffusione di dati e atti amministrativi relativi alle entrate e alle uscite di bilancio.

per un assemblea sindacale2_autorg2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...