Ancora sulla fusione

AGGIORNAMENTO:

  • Scarica qui il testo della PL 184 approvato in aula (art.5).
  • Scarica qui il resoconto stenografico della seduta del consiglio regionale del 12/11/2014.
  • Scarica qui la discussione in aula sull’articolo che riguarda Lazio Service, interessanti le considerazioni che hanno portato il consigliere Santori ed il Movimento 5 Stelle ad esprire un voto contrario.
  • Qui potete trovare l’interrogazione di Storace sullo scandalo immobiliare di Via del Serafico e la risposta dell’assessore al bilancio Sartore, che è stata discussa nella stessa seduta.

La notizia della fusione non è arrivata inaspettata, ne avevamo cominciato a parlare già nei mesi scorsi: nel nostro articolo del 30 Settembre, (vedi qui) sull’arrivo del nuovo amministratore unico, avevemo indicato che uno dei suoi maggiori compiti sarebbe stato quello di gestire la fusione con Lait: è così sarà.

Intanto è già pronto il nome della nuova società: LAZIO INFORMA, il nome sembra che non riscuota particolari simpatie tra i colleghi delle due società, ed anche per noi non è una immagine adeguata per quelle che sono le diverse professionalità che animano le due società. Quindi invitiamo i colleghi a suggerire nei commenti un nome più significativo per la nuova creatura.

Tornando alla legge approvata ieri tra gli aspetti principali avevamo indicato i seguenti:

  • creazione di un nuovo soggetto, quindi non c’è l’assorbimento di una società nell’altra ma la creazione di una nuova società,
  • la legge garantisce la piena salvaguardia dei livelli occupazionali, niente esuberi e licenziamenti 🙂,
  • la legge non garantisce i livelli salariali: qualcuno potrebbe perderci dei soldi 😦,
  • entro 90 giorni la giunta delibererà la creazione della nuova società, entro ulteriori 30 giorni sarà nominato il nuovo consiglio di amministrazione.

Sulla questione dei soldi è utile chiarire che non è a rischio lo stipendio base, ma invece sono a rischio i superminimi e la produttività, in generale tutta la retribuzione variabile. Purtroppo da noi contrattazione decentrata non è mai stata fatta, sia per scelta aziendale sia per l’immobilismo delle organizzazioni sindacali e quindi abbiamo poco da perdere, ma quel poco sarebbe bene tenerselo stretto!
Per i nostri colleghi di Lait invece, la situazione è un po’ diversa poichè una fetta maggiore del loro stipendio dipende dalla contrattazione decentrata.

Per quanto riguarda i livelli occupazionali, opportunamente la legge prevede il mantenimento dei livelli attuali… staremo a vedere e vigileremo!

Come ultima cosa abbiamo notato che la legge prevede la nomina di un consiglio di amministrazione e non già di un amministratore unico come era per le due società. Non sappiamo quali siano le intenzioni della Giunta, ma sappiamo che sono in molti a scalpitare per entrare nel nuovo CDA, in primis l’amministratore unico di Lazio Service Massimiliano Raffa, fresco di nomina.

Rispetto agli assetti societari un’ultima considerazione, la nuova società così come le due di cui sarà erede si configura come ente pubblico strumentale in forma di società per azioni, a questo punto non sarebbe stato opportuno e più funzionale, per quanto complesso, avviare un percorso di internalizzazione, come in questi giorni sta avvenendo in Puglia (vedi qui)?

Annunci

8 thoughts on “Ancora sulla fusione

  1. Che ieri 13 novembre non si è fatto in tempo a organizzare un’ assemblea del personale ci può anche stare.Che oggi non si sia fatta passi.Ma che,ad ora, non è prevista nemmeno per lunedì è veramente troppo!Ma chi ci dovrebbe rappresentare a cosa sta pensando?

  2. e comunque sono a rischio i superminimi?ma magari li levano a tutti!I superminimi devono essere assegnati con criterio e in base all’effettivo lavoro svolto,invece ovviamente Lazio Service essendo una società di parassiti per lo più negli anni ha dato superminimi da capogiro a gente che non sa’manco leggere un altro po’,In tutto cio’quei buffoni di sindacati non hanno mai fatto nulla,anzi si sono sistemati bene bene loro e chi si e’visto s’è visto…quando poi qualcuno in maniera ufficiale ha provato a chiedere un trasferimento oppure un livello leggermente piu’alto gli e’sempre stato risposto che i soldi per i livelli non c’erano…ovviamente c’erano solo per i luridi papponi che conosciamo tutti

    • Siamo d’accordo con te, i superminimi sono stati usati in buona parte per foraggiare la clientela politica. Detto questo sono soldi che devono restare sugli stipendi dei lavoratori e devo essere utilizzati in maniera equa e trasparente.

  3. Ringrazio innanzitutto i lavoratori Auto organizzati Lazio Service che fanno il lavoro di informare i lavoratori al posto dei sindacati che sia in Lait che in lazio Service sono del tutto assenti.
    Poi vorrei aggiungere che aldilà del nome è importante conoscere che tipo di contratto faranno ai lavoratori; mi sembra assodato che non sarà il CCNL Metalmeccanici ma qualunque esso sia, concordo con autorg2012, sul fatto che la distribuzione di eventuali superminimi o altra retribuzione integrativa di qualsiasi natura, debba essere fatta col criterio dell’equità e della trasparenza. Non dobbiamo dimenticare che sono sempre soldi pubblici e anche se venisse creata una nuova SPA, così per come avviene nel pubblico impiego , i cittadini devono sapere in che modo vengono utilizzati i loro soldi e soprattutto qual’è il servizio loro fornito visto che i lavoratori di Lait e Lazio Service hanno il compito di supportare l’attività dell’Amministrazione Regionale in tutti i settori con lo scopo di favorire lo snellimento dei procedimenti amministrativi, ridurre la burocrazia, semplificare e digitalizzazione i processi interni della Regione Lazio.
    Detto questo, sarebbe corretto , così come accade in Regione mediante la pubblicazione di tutte le P.O. (posizioni organizzative) e A.P. (alte professionalità), rendere pubblico il ruolo svolto da ogni lavoratore che percepisce una retribuzione integrativa elevata e qual’è il ruolo che svolge per meritarsela…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...